Confesercenti Abruzzo, parte la solidarietà delle imprese. I panificatori e gli alimentaristi domani porteranno pane e acqua all'Aquila


“La situazione è drammatica - ha dichiarato il direttore della Confesercenti Abruzzo Enzo Giammarino - e la priorità assoluta riguarda il sostegno alle popolazioni colpite. Il sisma ha colpito duramente l’area della conca aquilana ma la realtà abruzzese che è rimasta in piedi ed operativa è pronta a fare ogni sforzo per gestire l’emergenza.
La Confesercenti Abruzzo ha stabilito contatti permanenti con la Protezione civile e le Prefetture ed è mobilitata con tutte le sue strutture a garantire ogni aiuto utile a tutti coloro che sono vittime del terremoto. Serve concretezza ed unità di intenti”. A questo proposito è subito partita la solidarietà del mondo delle imprese abruzzesi nei confronti delle zone colpite dal terremoto. Dopo una prima ricognizione con la Prefettura dell’Aquila e la Protezione civile, che hanno indicato i beni di prima necessità di cui c’è urgenza nelle zone colpite dal terremoto, Confesercenti Abruzzo si è fatta promotrice di una solidarietà attiva con il coinvolgimento diretto delle imprese.
I panificatori dell’Associazione Panificatori di Confesercenti Abruzzo hanno riaperto questa mattina i forni per produrre confezioni di pane da 250 grammi da inviare nelle zone colpite, mentre dai negozi di alimentari della piccola e media distribuzione, su invito dell’associazione di categoria, sono stati messi immediatamente a disposizione stock di acqua minerale. Molti gli albergatori di Assoturismo-Confesercenti che hanno già comunicato all’associazione la propria disponibilità ad accogliere gli i concittadini aquilani rimasti senza abitazione.
Domani mattina, con il coordinamento della Protezione civile, i primi tre furgoni di Confesercenti Abruzzo arriveranno nel centro di raccolta allestito nel campo sportivo di Paganica con le confezioni di pane abruzzese e di acqua minerale.