Consumi pasquali


La Pasqua 2009 è stata all’insegna della tradizione italiana dove si è riconfermata ancora una volta la regola che le feste comandate sono tutte rispettate, crisi o non crisi.
I consumi pasquali sia in qualità che in quantità riconfermano i volumi di vendita e di consumo del 2008, sia di agnello che di carni bianche. I prezzi sono rimasti inalterati sia all’ingrosso che al minuto.
Bene la vendita nelle piccole macellerie che si sono distinte per un servizio maggiore per ricette e modalità di consumi di agnello. Agnello e capretto sono stati preparati nella più antica tradizione: quindi al forno, fritto e scottadito.
Questo è un trend già riconfermato a Natale. Sicuramente avremo un periodo di flessione questa settimana in preparazione delle prossime feste del 25 aprile e 1 maggio.