Crisi, le proposte delle Pmi illustrate a Berlusconi


A Palazzo Chigi Silvio Berlusconi ha incontrato delegazioni delle Associazioni delle pmi guidate dai loro Presidenti. "Un incontro positivo, c'č attenzione alle nostre proposte" ha commentato Marco Venturi che con il Direttore Generale Capanna ha visto il Premier.
Nel corso dell'incontro la Confesercenti ha illustrato un pacchetto di proposte divise in due parti: la prima - per far fronte all'emergenza - pone il problema degli studi di settore e chiede che sia prevista una fascia percentuale di scostamento entro la quale non intervenga alcun accertamento, ribadisce la necessitā di interventi sul credito, avanza la proposta che si preveda la rateizzazione di acconti e saldi Irpef, Ires ed Irap. Ed ancora si propone che per gli esercizi del commercio al dettaglio di vicinato ci sia una deduzione forfettaria del 3% sui ricavi.
Una seconda parte affronta il nodo del rilancio economico e dei consumi. Per il turismo si propone che negli anni 2009 e 2010 si garantiscano detrazioni del 19% per spese sostenute per il turismo interno con un massimale di euro mille per persona.
Ed ancora si chiede che ci sia esenzione fiscale per il primo biennio di attivitā delle nuove pmi, favorendo in tal modo anche l'innovazione. Per incentivare nuova occupazione si avanza l'ipotesi che si aumenti la percentuale di sgravi contributivi per nuovi assunti che siano giovani, over 50 e donne. Infine si chiede un maggior sostegno per l'azione dei Confidi.

Proposte Confesercenti